Le Tipologie di Tè

Non esiste un momento in particolare per sorseggiare una buona tazza di tè. Per le caratteristiche d’origine o di lavorazione che lo rendono in infusione più forte o più delicato, più aromatico o più dolce, più affumicato o più fruttato ogni tè trova la sua collocazione ideale in diverse occasioni della giornata. Una bevanda versatile e con alti valori organolettici, che la rendono unica e piacevole sempre, sia in compagnia che da soli. Sono numerose le varietà di tè presenti sul mercato, questi fanno parte dei cinque macro gruppi, quali: tè verde, giallo, rosso, bianco, nero.

Il tè verde

è un ottimo alleato per la nostra salute, infatti, aiuta a combatte l’ossidazione delle cellule e tiene sotto controllo i livelli di colesterolo; aiuta a disintossicarsi favorendo l’eliminazione delle tossine attraverso la diuresi; è ottimo per ridurre i fastidi della cattiva digestione e aiuta a prevenire il tumore alla prostata.

Il tè nero

seppur con le dovute eccezioni, rappresenta la varietà di tè più ricca in caffeina. Questo tè è inoltre ricco di teofillina, che viene usata – in dosi elevate – nella terapia dell’asma e della bronchite. Questa molecola, infatti, favorisce la dilatazione dei bronchi, migliorando – tra l’altro – anche la contrattilità del diaframma e degli altri muscoli respiratori. Il tè nero, un po’ come le altre varietà, è inoltre ricco di polifenoli (sostanze ad azione antiossidante che prevengono le malattie cardiovascolari ed abbondano soprattutto in quello verde) e tannini (che abbassano la secrezione ghiandolare a livello intestinale risultando utili in presenza di diarrea).

Il tè bianco

deriva dalla prima fogliolina all’apice del fusto del tè, i germogli vengono raccolti prima che si schiudano; la sua denominazione indica semplicemente il superiore prestigio rispetto agli altri. Il solo germoglio apicale viene raccolto solo due giorni l’anno e due volte all’anno, per tale fenomeno raggiunge costi proibitivi. Sembra aiuti a prevenire le carie, proteggendo da virus e batteri.

Il tè rosso

già conosciuto per le sue importanti proprietà depurative e disintossicanti, rafforza il sistema immunitario; facilita la digestione delle bevande grasse e regola le funzioni del fegato e delle ghiandole intestinali.

Il tè giallo

è il più prezioso e ricercato dei tè cinesi. Si trova difficilmente in Europa ed è sempre caro. Questo tè era pagato come tributo all’Imperatore Cinese e la produzione annuale è piccolissima. Questa tipologia di tè si consuma per la maggior parte esclusivamente in Cina.

Tra le numerose varietà di tè che si possono consumare, ne abbiamo scelte alcune per voi, quelle migliori ovviamente, e che rappresentano a pieno le qualità di tutte e cinque le categorie di tè. Da quelle più particolari, per palati sofisticati, a miscele più leggere e gradevoli, per chi si avvicina in modo cauto al mondo del tè.

Gunpowder:

il tè verde cinese più bevuto nel mondo, dal sapore fresco e pungente. La caratteristica principale di questo tè è la forma di piccole palline che viene data alle foglie durante la lavorazione e che ricordano, appunto, la polvere da sparo: sono essiccate al sole o in locali idonei riscaldati per fermarne l’ossidazione che distrugge la clorofilla e quindi non subiscono il processo di ossidazione tipico del tè nero, mantenendo così inalterati tutti i suoi componenti attivi: vitamine, minerali, componenti volatili e soprattutto i polifenoli, sostanze note per le loro proprietà depurative e antiossidanti, che favoriscono la lotta ai radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. Viene usato anche nelle diete per le sue proprietà drenanti e stimolanti.
È un tè consigliato specialmente per la colazione e la sera. In infusione, presenta colore giallo-verde e sapore rinfrescante. Se ne consiglia la degustazione con cristalli di zucchero.

Prato fiorito:

è un tipo di tè verde giapponese e cinese, arricchito di fiori di gelsomino e aromi. naturali

Bancha:

(letteralmente tè ordinario): è un tè verde giapponese ricavato dall’ultimo raccolto del tè, che ha luogo in ottobre. Il bancha è il tè verde comune per i giapponesi; esso è raccolto dalla stessa pianta di qualità sencha, però è raccolto più tardivamente, cosa che gli conferisce una qualità inferiore sul mercato. È considerata la più leggera qualità di tè verde. Il suo sapore è unico, ha un marcato odore di paglia.
Non è un tè pregiato, in quanto le sue foglioline sono state raccolte per ultime, ma proprio per questo è naturalmente quasi privo di caffeina, in modo da poter essere gustato anche dai bambini a qualsiasi ora. E’ un tè molto ricco di ferro, calcio e vitamina A. Il tè Bancha è uno specifico della cucina macrobiotica, infatti esso aiuta a rafforzare l’organismo, ha un’azione alcalinizzante sul sangue, e può essere utile, tra le altre cose, anche alla digestione.

Darjeeling:

tè nero indiano molto apprezzato, tanto da guadagnare il soprannome di ” champagne dei tè”. Viene coltivato in zone piovose e ventose. Presenta un tipico aroma di uve moscato e sapore deciso con retrogusto muschiato. E’ tradizionalmente considerato il più pregiato dei tè neri, soprattutto in Gran Bretagna e nei paesi facenti parte dell’ex-Impero Britannico. Le migliori infusioni danno un tè leggero, chiaro, con un aroma floreale.

Il Pai Mu Tan:

è il tè bianco per eccellenza, scelto dagli intenditori come il più pregiato tè al mondo. È formato solo da germogli delle migliori piante cinesi. Infuso giallo tenue con aroma fresco ed erbaceo, dolce e abbastanza persistente. Il suo sapore è molto morbido, vellutato e leggero.

Il tè Earl Grey:

è una varietà di tè, aromatizzato con l’olio estratto dalla scorza del bergamotto.
Il tè delle cinque, è una composizione piena di gusto di tè nero, olio di Bergamotto, fiori blu di malva, fiori di fiordaliso. Una composizione bilanciata del gusto, calmante e ricostituente.

Lapsang Souchong:

è una varietà di tè rosso cinese. Conosciuto anche come Zheng Shan Xiao Zhong e Russian Caravan per via del lungo percorso che dalla Cina lo porta fino in Russia, viene prodotto esclusivamente sul monte Wuyi, nella contea di Tong Mu Guang, al nord della regione del Fujian.
È un tè di foglie piccole, usate intere per l’infusione. Il colore ambra scura viene ottenuto prima per ossidazione, quindi per affumicatura delle foglie effettuata con fuoco di pino o cedro.
Il contenuto in teina è relativamente basso. E’ un tè consigliato per le prime ore mattutine. Tè ricco e sottile accompagna bene piatti speziati o salati.

 

La camomilla:

è una delle poche bevande che non ha né controindicazioni né particolari limiti di utilizzo. La camomilla può essere consumata da tutti i soggetti senza discriminazione alcuna. Viene considerata uno degli oli essenziali più dolci e quindi particolarmente adatta ai bambini. L’olio essenziale si ottiene grazie alla distillazione delle sommità floreali. È usata, soprattutto nell’aromaterapia come sedativo, antispasmodico, antinfiammatorio, antisettico e antimicrobico.